CategoriesNews

“PIA – Programmi Integrati di Agevolazioni” rivolto ad imprese di piccola dimensione che intendano realizzare un investimento di tipo integrato nel territorio della Regione Puglia.

Valido fino a esaurimento fondi

A chi si rivolge
● un’impresa di piccola dimensione, in regime di contabilità ordinaria, che abbia già approvato almeno 3 bilanci e abbia registrato nei 3 esercizi precedenti:
– Fatturato medio: > 1,5 milioni di euro;
– N° ULA >= 10 (nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda).
● un’impresa di piccola dimensione non attiva, controllata da una piccola impresa che abbia approvato almeno 3 bilanci (alla data di presentazione della domanda), registrato nei 3 esercizi precedenti:
– Fatturato medio: > 1,5 milioni di euro;
– N° ULA >= 10 (nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda).
● altre piccole o microimprese attive, con almeno 2 bilanci approvati, in adesione alla piccola impresa proponente, a condizione che le aderenti, qualora non in possesso dei requisiti di tre bilanci approvati, del fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro e dei 10 ULA, promuovano investimenti di importo non superiore a 2 milioni di euro.
Nell’ambito del progetto integrato, ciascun programma di investimento realizzato da micro e piccole imprese aderenti deve presentare costi ammissibili non inferiori a euro 500.000.
Nell’ambito del programma integrato promosso da piccole imprese, l’iniziativa imprenditoriale di competenza della piccola impresa proponente, che assume la responsabilità ai soli fini della coerenza tecnica e industriale, deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell’importo complessivo del programma..
Come funziona e cosa si può fare (investimenti e spese ammissibili)
Con il PIA si possono realizzare investimenti in unità locali ubicate/da ubicare nel territorio della Regione Puglia e riguardanti:
● la realizzazione di nuove unità produttive;
● l’ampliamento di unità produttive esistenti;
● la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
● un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente.
Sono ammissibili gli investimenti riguardanti il settore delle:
– attività manifatturiere di cui alla sezione “C” delle ATECO con eccezioni e limitazioni;
– servizi riguardanti categorie ATECO con attività di “Trattamento e smaltimento di rifiuti pericolosi”, “demolizioni”, “Riciclaggio” (con eccezioni e limitazioni).

Contributo

Le istanze di accesso devono riguardare progetti integrati di importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili compresi tra 1 milione di euro e 20 milioni di euro.
Nell’ambito del progetto integrato, ciascun programma di investimento realizzato da micro e piccole imprese aderenti deve presentare costi ammissibili non inferiori a euro 500.000.
Per progetto integrato si intende il complesso dei programmi di investimento di ciascuna impresa; ciascun programma di investimento riguarda un’iniziativa imprenditoriale finalizzata alla produzione di beni e/o servizi per la cui realizzazione sono previsti investimenti in attivi materiali, che devono essere obbligatoriamente integrati con investimenti in ricerca e sviluppo e/o con investimenti in innovazione tecnologica dei processi e dell’organizzazione.
L’ammontare degli investimenti in Attivi Materiali non potrà comunque essere inferiore al 20% degli investimenti complessivi ammissibili per impresa.
Sarà possibile derogare al limite di cui al comma precedente e prevedere spese per Attivi Materiali in percentuale non inferiore al 5%, solo nel caso in cui:
– il progetto rientri nell’ambito del Codice Ateco 62;
– tale codice risulti anche identificativo dell’attività prevalente svolta dall’impresa (Ateco 2007 di importanza primaria),
– l’impresa dimostri, attraverso documentazione probante ed idonea anche rispetto alla durata del programma, di disporre delle attrezzature necessarie alla realizzazione del progetto attraverso la forma “as a service”.
Si riporta, di seguito, una tabella riepilogativa delle intensità di aiuto concedibili:

Voci di Spesa Agevolazioni
(% di contributo a fondo perduto)L’Aiuto in Attivi Materiali  per impresa non può superare l’importo di 6 milioni di euro
Studi preliminari di fattibilità nel limite del 1,5% dell’importo complessivo delle spese ammissibili
e spese per progettazioni e direzione lavori nel limite del 6% delle spese in opere murarie e assimilabili
45% PICCOLE IMPRESE
Acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 5% dell’importo dell’investimento in attivi materiali 25% PICCOLE IMPRESE
(nel caso di richiesta delle premialità, cumulabili tra loro, fino ad un massimo del 45%)
Opere murarie e assimilabili
 
25% PICCOLE IMPRESE
(nel caso di richiesta delle premialità, cumulabili tra loro, fino ad un massimo del 45%)
Opere murarie e assimilabili riferite a immobili dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati 35% PICCOLE IMPRESE
(nel caso di richiesta delle premialità, cumulabili tra loro, fino ad un massimo del 45%)
acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività di rappresentanza, programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa. 45% PICCOLE IMPRESE
Acquisto di brevetti, licenze, know – how e conoscenze tecniche non brevettate, nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva interessata dal programma 45% PICCOLE IMPRESE.
Voci di Spesa R&S — Agevolazioni
(% di contributo a fondo perduto)Le agevolazioni, compresa l’eventuale maggiorazione, per gli investimenti in ricerca e sviluppo non potranno superare, indipendentemente dall’ammontare dell’investimento ammissibile, i seguenti importi:I. per attività di ricerca industriale: 5 milioni Euro.
II. per attività di sviluppo sperimentale: 3,5 milioni Euro.
III.  per gli studi di fattibilità tecnica: 0,5 milioni Euro.
IV. per i brevetti:: 2 milioni Euro.
Ricerca Industriale 70% PICCOLE IMPRESE
(a specifiche condizioni, previste dall’Avviso, è concedibile la maggiorazione di 15% fino ad un massimo dell’80%)
Sviluppo Sperimentale 45% PICCOLE IMPRESE
(a specifiche condizioni, previste dall’Avviso, è concedibile la maggiorazione di 15%)
Nell’ambito della Ricerca Industriale e dello Sviluppo Sperimentale sono anche ammissibili investimenti relativi a studi di fattibilità tecnica 50% PICCOLE IMPRESE
Voci di Spesa Innovazione tecnologica, dei processi e dell’organizzazione — Agevolazioni
(% di contributo a fondo perduto)Gli aiuti all’innovazione tecnologica, dei processi e dell’organizzazione non possono superare 0,5 milioni di Euro.Il limite degli aiuti alle spese per la messa a disposizione di personale altamente qualificato è pari a 0,5 milioni di Euro.
–          Servizi di consulenza in materia di innovazione;
–          Servizi di consulenza e di supporto all’innovazione;
–          Servizi per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione;
–          Messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un organismo di ricerca.
50% PER PICCOLE IMPRESE
Voci di Spesa Servizi di Consulenza – Agevolazioni
(% di contributo a fondo perduto)Le agevolazioni per investimenti per acquisizione di Servizi non potranno superare, indipendentemente dall’ammontare dell’investimento ammissibile, i seguenti importi:
I.  200 mila euro per la piccola impresa per:
–          acquisizione di servizi di consulenza;
–          l’innovazione delle imprese;
–          migliorare il posizionamento competitivo dei sistemi produttivi locali.
II. 100 mila Euro per impresa per la partecipazione a fiere. Dette soglie sono incrementate del 20% per le imprese che si associano nella forma della rete d’impresa e per le imprese che abbiano conseguito il rating di legalità.
–       Certificazione ex novo EMAS;
–       Certificazione ex novo ISO 14001;
–       Certificazione ex novo ECOLABEL;
–       Studi di fattibilità volti a valutare i vantaggi economici dell’impresa derivanti dall’adozione di soluzioni tecnologiche ecoefficienti;
–       Certificazione ex novo SA8000;
–       Programmi di Internazionalizzazione;
–       Programmi di Marketing Internazionale;
–       E-Business;
–       Partecipazione a fiera
45% PER PICCOLE IMPRESE

Elevabile al 50% nel caso di rating di legalità.

Il nostro metodo in 5 punti : “Da Idea a Impresa”:

  1. Prefattibilità e analisi dell’idea: sostenibilità tecnica ed economica, studio delle migliori agevolazioni finanziarie disponibili;
  2. Studio e approfondimento dell’idea: ti guidiamo a migliorarla;
  3. Piano d’impresa:  Business Plan e piano operativo;
  4. Compilazione e invio della domanda +  Preparazione al colloquio (per le start-up);
  5. Formazione dell’imprenditore: percorso personalizzato per costruire la tua identità di imprenditore.
e in piu’ :
  • Consulenza:  i nostri esperti ti aiuteranno a comprendere meglio il tuo business e metterlo in pratica;
  • Affiancamento: con il supporto dei nostri Business Coach per superare ostacoli e difficoltà;
  • Formazione: Ti prepariamo nelle competenze chiave per il tuo successo
CONTATTACI PER UN CHECK UP: E’ GRATIS !

LINK UTILI

CERTIFICAZIONI

Azienda Certificata ISO9001:2015 – numero di registrazione 44 100 21410068

ISO 11601:2015 – numero registrazione QMS.IT/22_050